• Step 1: Avere articoli di qualità a prezzi conve
  • Step 2: Negozio Virtuale semplice da usar
  • Step 3: Posizionamento e pubblicità su Google
  • Step 4: Vendere subito e fidelizzare il cliente
  • http://media.spaziocommerciale.com/slider/piccola/negozio-virtuale-articoli-qualita_1.jpg
  • http://media.spaziocommerciale.com/slider/piccola/negozio-virtuale-professionale_2.jpg
  • http://media.spaziocommerciale.com/slider/piccola/negozio-virtuale-articoli-posizionamento_3.jpg
  • http://media.spaziocommerciale.com/slider/piccola/negozio-virtuale-vendere-subito_4.jpg

Detassazione dei ricavi da attività di commercio elettronico: interessante novità

Il sistema delle imprese commerciali in Italia è sempre più in difficoltà, causate dalla crisi globale e dall’altissima pressione fiscale cui esse sono sottoposte: ma il governo sembra determinato a tendere una mano a queste imprese, tramite la previsione di una Detassazione dei ricavi da attività di commercio elettronico.
 
La normativa che prevede la Detassazione dei ricavi da attività di commercio elettronico è inserita nella bozza di decreto sviluppo bis e dovrebbe essere confermate anche dopo il passaggio della norma in parlamento.
 
La norma, l’art. 34 del decreto sviluppo bis, che prevede la Detassazione dei ricavi da attività di commercio elettronico, individua anche una precisa serie di caratteristiche cui le imprese devono appartenere per poter applicare tali benefici e le precise caratteristiche dell’attività.
 
Questa particolare agevolazione di Detassazione dei ricavi da attività di commercio elettronico spetta infatti alle medie imprese italiane, le cui caratteristiche si evincono dalla Raccomandazione 2003/361/CE della Comunità Europea.
 
Rientrano in questa definizione e possono perciò fruire della Detassazione dei ricavi da attività di commercio elettronico le piccole e medi imprese che occupino fino a 250 dipendenti e abbiano un fatturato annuo non superiore ai 50 milioni di euro.
 
Fra queste rientrano anche le microimprese, che occupa meno di 10 dipendenti e che abbia un fatturato annuo non superiore  ai 2 milioni di euro: anche queste imprese, che sono moltissime nel panorama italiano, potranno fruire della Detassazione dei ricavi da attività di commercio elettronico.
 
Ma quali sono le altre caratteristiche necessarie per usufruire della Detassazione dei ricavi da attività di commercio elettronico? In primo luogo l’agevolazione è limitata all’impresa che avvia per la prima volta l’attività di vendita tramite commercio elettronico e solo per il primo anno.
 
In secondo luogo per usufruire della Detassazione dei ricavi da attività di commercio elettronico  è necessario che le vendite siano effettuate attraverso strumenti di commercio elettronico e che i pagamenti per tali vendite sia avvenuto solo tramite strumenti di pagamento elettronico completamente tracciabili.
 
Anche se non sono ancora state decise le percentuali di detassazione, per saperne l’importo bisognerà aspettare il testo approvato del decreto sviluppo, si può già stimare quel questa Detassazione dei ricavi da attività di commercio elettronico potrà portare a un incremento di una fetta di mercato molto importante, in grado di rilanciare molte imprese anche in ambito internazionale.
 
 
1 pagina
  • primo
  • prec
  • 1
  • succ
  • ultimo
Dea Informatica
Via C. Tosi 1/A
21052 Busto Arsizio (VA)
P.IVA 12471770151
Tel: 349 2504130
info@spaziocommerciale.com
cookies policy